VIDEO
Cerca video
CONSIGLI 10 LUGLIO 2023

I trucchi per avere sempre la macchina fresca

Entrare in auto d’estate, alle volte, è un vero incubo. In particolare la macchina è rimasta sotto il sole per qualche ora, magari per passare una giornata in spiaggia o per andare al lavoro in città. Con le alte temperature l’abitacolo si surriscalda, sedili e volante diventano roventi ed è quasi impossibile mettersi alla guida senza provare una sensazione come se si stesse entrando nell’inferno. Senza contare che il caldo usura la vettura. Ma ci sono dei modi per evitare l’effetto forno, semplicissimi da mettere in pratica, ma che i pochissimi utilizzano. Dal parasole ai finestrini, qualche suggerimento per rinfrescare l’auto.

Come tenere la macchina fresca d’estate?

Con le ondate di calore sempre più frequenti, trovare soluzioni per non restare ustionati dall’auto sta diventando indispensabile. Uno dei metodi che conosciamo tutti, per esempio, è quello del parasole. È semplicissimo da usare, può essere acquistato in materiali e colori differenti con alcune fantasie amatissime dai bambini ed è un ottimo trucco per evitare che la vettura si surriscaldi troppo. Questo accessorio scherma la luce ed evita il passaggio dei raggi solari all’interno dell’abitacolo.

Anche lasciare aperti i finestrini di qualche millimetro è una pratica soluzione: siccome l’aria calda tende a salire, in questo modo uscirà dalla macchina autonomamente.

Poi c’è la questione parcheggio che spesso inganna. Si cerca quello all’ombra senza pensare che la Terra gira e che lo spazio fortunatamente trovato, in poco tempo tornerà al sole. Un trucco furbo per lasciare l’auto protetta dai raggi Uv è pensare a dove ci sarà l’ombra, così da ritrovarla schermata e fresca al ritorno.

Infine, piazzare degli asciugamani sui sedili come se fossero stesi al sole. Una volta tornati nell’auto, basterà toglierli per avere poltrone più fresche ed evitare di sedersi su tessuti bollenti.

I trucchi per rinfrescare l’auto senza aria condizionata

Ci sono poi altri metodi meno conosciuti e più curiosi per rinfrescare efficacemente l’aria senza condizionatore. Da ricordare è che il caldo rovina tutte le apparecchiature tecnologiche, oltre alle auto, anche gli smartphone diventano roventi e si surriscaldano e non andrebbero mai lasciati nella vettura sotto il sole. In ogni caso, per rinfrescare la macchina, avete mai provato a mettere un panno o un telo mare sul cruscotto coprendo anche il volante? Il tessuto protegge le plastiche e rende l’abitacolo meno caldo, ma il trucco è meno efficace di un parasole.

Un altro modo è creare un “condizionatore naturale” in auto. Come? Con l’uso del ghiaccio. Basta mettere delle bottiglie di plastica con dell’acqua ghiacciata all’interno dell’abitacolo, magari abbinate a una piccola corrente come quella di un ventilatore o di un bocchettone della macchina o anche con l’apertura di qualche millimetro dei finestrini, per raffreddare l’aria anche con la vettura spenta.

Da provare è anche l’uso di un panno umido con l’aggiunta di qualche goccia di menta o un po’ di aloe. Il telo imbevuto di acqua molto fredda raffredda l’aria come la tecnica delle bottigliette giacciate, mentre le essenze di menta e aloe donano un’ulteriore sensazione di freschezza, anche se solo percepita a livello di pelle.

Un’altra opzione è infine quella di installare opportune pellicole anti raggi Uv che permettono di filtrare i raggi solari, un po’ come fa il parasole. Le pellicole anti-UV sono solitamente di colore opaco e semi-scuro e promettono di abbassare la temperatura anche di 5 o 10 gradi rispetto al consueto a una cifra modica in quanto possono essere acquistati a poco prezzo.

Ecco che con alcuni metodi semplici, efficaci ed economici si può mantenere più fresca l’auto anche d’estate e senza l’uso dell’aria condizionata.

55.966 visualizzazioni
Chiudi
Caricamento contenuti...