VIDEO
Cerca video
FAI DA TE 10 OTTOBRE 2023

Come togliere la cera dai tessuti

Una cenetta a due, un compleanno, un improvviso distacco di corrente, o il semplice desiderio di creare un’atmosfera rilassante e suggestiva: sono tanti i motivi che si possono avere per accendere delle candele in casa.

Ma cosa possiamo fare quando della cera cade accidentalmente sulla tovaglia, sul divano, sulla moquette, o sui nostri vestiti preferiti?

Anche se istintivamente ci potrebbe venire in mente di intervenire subito con dell’acqua calda per rimuoverla, dobbiamo invece evitare di farlo.

Bagnando i tessuti macchiati quando la cera è ancora allo stato liquido, infatti, questa sostanza penetrerà in profondità, vanificando le speranze di poterla eliminare completamente.

Se vogliamo raffreddarla il più in fretta possibile, possiamo spruzzarci sopra lo spray che si usa per curare le verruche, oppure appoggiare il tessuto intaccato su un vassoio metallico riempito di cubetti di ghiaccio.

Ecco alcuni metodi efficaci per risolvere il problema.

Rimozione meccanica

Solo quando la cera si sarà solidificata e risulterà perfettamente fredda al tatto, potremo provare a staccarla dalle stoffe con l’aiuto di un coltello a punta tonda.

Inseriamo la lama con cautela alla base del mucchietto che si è formato e procediamo lentamente, ma con movimenti decisi, per sollevarlo e rimuoverne la maggior parte possibile.

Questo metodo è indicato soprattutto per materiale tessile che non è possibile asportare facilmente dalla sua sede o che non si può lavare, come ad esempio il divano, la moquette o i tappeti di grandi dimensioni, con alcuni accorgimenti in base al tipo di tessuto da trattare.

Sull’alcantara e sull’ecopelle, ad esempio, occorre mettere del ghiaccio in un sacchettino di plastica e applicarlo sulla cera per farla indurire bene.

Per rimuoverla, utilizzare poi un cucchiaio di plastica o un altro oggetto a bordi smussati che non procuri tagli o graffi sulla superficie interessata. Per rifinire, passare una spazzola morbida leggermente inumidita con alcool e asciugare bene con il phon.

Sulla pelle, il cuoio, o il camoscio (anche delle scarpe), è invece consigliabile attaccare della carta velina alla piastra del ferro e, una volta ben caldo, passare l’elettrodomestico delicatamente sulla macchia di cera da staccare: quest’operazione non dovrebbe lasciare residui.

Carta assorbente e ferro da stiro

Su tessuti di dimensioni ragionevoli per essere maneggiati, come una tovaglia, un tappetino o un vestito, procedere distendendo la stoffa su un panno di cotone o un asciugamani posato sull’asse per stirare o su altra superficie adatta, poggiando poi un foglio di carta assorbente sopra la zona da trattare.

Si possono usare anche dei comuni tovaglioli usa e getta o della carta da cucina, a patto che siano resistenti al calore.

Dopo aver scaldato il ferro da stiro a temperatura media, passarlo sopra la carta premendo con forza per qualche secondo: in questo modo, la cera si staccherà dal tessuto, trasferendosi sul foglio assorbente. Un semplice lavaggio dovrebbe eliminare l’eventuale alone rimasto.

Non è detto che tutta la sostanza colata si riesca a trasferire al primo passaggio: ripetere quindi l’operazione, fino ad ottenere il risultato desiderato.

Acqua bollente sulla cera fredda

Una volta che la cera su tovaglie, tovaglioli, federe di cuscini e via dicendo si sarà completamente solidificata, possiamo rimuoverla facendo bollire dell’acqua in un pentolino.

Una volta che sarà abbastanza calda, versiamola sul tessuto macchiato, dopo averlo appoggiato sopra una bacinella che raccoglierà il liquido che, filtrando attraverso la stoffa, scioglierà la cera.

Lasciando il tessuto immerso per qualche secondo nella bacinella, vedremo la cera liquefarsi e risalire a galla. Anche in questo caso, la traccia rimasta si potrà eliminare lavando il capo a mano o in lavatrice.

Alcool denaturato

In caso di emergenza, come quando si è fuori casa o non si ha a disposizione il ferro da stiro, si può spruzzare un po’ di alcool denaturato su uno spazzolino da denti e strofinarlo sopra la cera da rimuovere.

Per asciugare, sarebbe bene poter utilizzare un phon per capelli a bassa temperatura, ma in caso non sia a disposizione perché ci troviamo, ad esempio, in un locale pubblico, possiamo mettere il tessuto sotto il getto dell’asciugamani elettrico, se i bagni del ristorante ne sono dotati.

Vediamo ora anche qualche suggerimento per rimuovere eventuali aloni rimasti.

Con lo smacchiatore

Con le classiche candele bianche in paraffina, una volta staccata la cera dai tessili non ci dovrebbero essere difficoltà a cancellarne ogni traccia con un bel giro in lavatrice. In caso di candele colorate, invece, o quando il materiale oleoso colato è penetrato in profondità tra le fibre, è necessario effettuare un’ulteriore operazione, che nella maggior parte dei casi risulterà risolutiva.

In una bacinella, versare mezzo litro d’acqua fredda e aggiungere due cucchiai di smacchiatore a base di ossigeno o del bicarbonato di sodio. Per aumentare il poter sgrassante della soluzione, è possibile aggiungere anche due cucchiai di aceto bianco di vino.

Lasciare quindi in ammollo il tessuto tutta la notte, o comunque per molte ore e poi risciacquare. Se il risultato non dovesse ancora essere soddisfacente, si può ripetere l’operazione.

Detergente liquido

Anche il detersivo liquido usato puro per pretrattare le macchie lasciate dal distacco della cera è un metodo efficace, ma in caso di stoffe delicate è sempre buona norma effettuare un test su una parte di tessuto che normalmente rimane nascosta alla vista.

Se la prova sull’angolino invisibile riesce senza danni, si può versare il detergente direttamente sull’alone e lasciarlo agire, lavando poi il capo a mano o in lavatrice.

Se una volta controllata l’etichetta del tessile da trattare abbiamo comunque dei dubbi, o se il test preliminare fallisce, non resta che affidarlo alle cure esperte di una lavanderia, che procederà con un lavaggio a secco professionale.

1.146 visualizzazioni
Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.
Chiudi
Caricamento contenuti...