VIDEO
Cerca video
CURIOSITÀ 10 GIUGNO 2024

Tempesta di grandine nel volo Palma-Vienna: l’aereo è distrutto

Il volo Austrian Airlines OS434, operato da un Airbus A320 con 23 anni di servizio, è stato colpito da una tempesta di grandine mentre volava da Palma Di Maiorca a Vienna il 9 giugno 2024. La grandine ha causato danni ingenti all’aereo, mettendo a rischio la sicurezza del volo.

Nonostante le difficoltà incontrate, l’equipaggio è riuscito a gestire il problema e a condurre un atterraggio di emergenza all’aeroporto di Vienna, garantendo la sicurezza dei passeggeri a bordo.

Cos’è successo al volo OS434 da Palma di Maiorca a Vienna

Il volo OS434 della Austrian Airlines ha vissuto un’esperienza traumatica quando è stato colpito da una tempesta di grandine mentre attraversava il Mar Mediterraneo. L’aereo, un Airbus A320, ha subito seri danni al muso, al parabrezza e al radar a causa dei chicchi di ghiaccio.

Ciò ha reso estremamente difficile la navigazione e l’atterraggio, mettendo a dura prova l’abilità dell’equipaggio. Nonostante la paura e le difficoltà il comandante e il primo ufficiale sono riusciti a gestire con successo l’evento imprevisto e a guidare l’aereo in un atterraggio di emergenza all’aeroporto di Vienna.

L’equipaggio ha dichiarato lo stato di emergenza durante la fase più critica del volo, garantendo la massima attenzione e prontezza nelle operazioni di soccorso. Fortunatamente, nessun passeggero è rimasto ferito durante l’incidente.

Le autorità dell’Aviazione Civile hanno avviato un’indagine approfondita sull’incidente per determinare le cause e le circostanze che hanno portato alla tempesta di grandine non rilevata. I tecnici della compagnia aerea stanno valutando l’entità dei danni subiti dall’aereo. Alcune voci suggeriscono la possibilità di smantellamento anziché riparazione, data la gravità dei danni.

È stato riferito che il temporale di grandine non era visibile sui radar meteorologici. I passeggeri hanno condiviso le loro esperienze di paura durante l’incidente. Tutto ciò sottolinea l’importanza di avere equipaggi addestrati per gestire situazioni di emergenza e garantire la sicurezza dei voli.

Perché cade sempre più grandine in Italia e in Europa

La frequenza delle grandinate in Italia e in Europa sta aumentando a causa del cambiamento climatico. Questo fenomeno è particolarmente evidente nelle regioni settentrionali dell’Italia. Ma perché cade la grandine?

Le grandinate si formano quando intense correnti ascensionali trasportano gocce d’acqua verso le regioni più fredde delle nubi temporalesche, creando cristalli di ghiaccio che si aggregano e precipitano a terra sotto forma di chicchi di grandine. Le zone più colpite sono solitamente le pianure, le coste e le regioni montuose, dove le condizioni atmosferiche favoriscono la formazione di temporali violenti.

Il riscaldamento globale è il principale sospettato dietro questo aumento delle grandinate. Il Mar Mediterraneo è troppo caldo e la Pianura Padana ha temperature sempre più alto. Il surriscaldamento fornisce energia supplementare alla formazione di temporali e grandinate.

L’innalzamento delle temperature favorisce l’evaporazione rapida dell’acqua, aumentando l’umidità nell’aria e le probabilità di formazione di grandine. Infatti, recenti studi hanno evidenziato un aumento significativo delle grandinate nell’ultimo decennio.

I danni per maltempo e grandine sono gravi e hanno effetti sulle coltivazioni agricole, sulle proprietà private e sulle infrastrutture. Inoltre, le grandinate possono mettere in pericolo la vita umana, danneggiando veicoli, edifici e infrastrutture aeroportuali.

43.378 visualizzazioni
Chiudi
Caricamento contenuti...