VIDEO
Cerca video

Video più visti pagina 6 di 864

19.000 risultati
Filtra categoria
Qualsiasi Questa settimana Questo mese Quest'anno
VIRALI 09 GENNAIO 2024

L'incontro del fotografo con il coccodrillo: immagini da brividi

Incontro tra brividi tra Bartolomeo Bove, un fotografo professionista, e alcuni coccodrilli nelle acque del Banco Chinchorro, atollo che si trova a 35 chilometri al largo della costa sud-orientale dello Stato di Quintana Roo in Messico.

Incontri ravvicinati con i coccodrilli

Il Banco Chinchorro ospita una popolazione stimata di circa 500 coccodrilli americani (Crocodylus Acutus) che vivono in una laguna nell’isola centrale dell’atollo e di tanto in tanto si spostano in mare aperto vicino alle palafitte dei pescatori.

È proprio vicino a queste palafitte, in acque poco profonde, che si possono avere incontri ravvicinati con i grandi rettili: così Bartolomeo Bove ha sfruttato la situazione per realizzare un reportage su questi affascinanti animali, arrivandogli letteralmente a pochi centimetri di distanza.

“I coccodrilli sono predatori potenti e molto intelligenti, ognuno con una propria personalità con caratteristiche ben definite – ha raccontato Bartolomeo – Per chi si chiede perché non mi attaccano e si lasciano invece avvicinare indisturbato, la risposta è semplicemente: potrebbero attaccare in qualsiasi momento se ne avessero la possibilità ma sebbene la maggior parte di questi coccodrilli superino noi umani in termini di dimensioni, a volte di gran lunga, in generale percepiscono un essere umano adulto come ‘troppo grande‘ e quindi una preda meno conveniente rispetto a quelli di cui abitualmente si nutrono, come pesci, uccelli, crostacei”.

Come avvicinarsi in sicurezza ai coccodrilli

“Detto questo, però, i coccodrilli non disdegnano certamente le prede più grandi e potrebbero attaccare anche gli esseri umani se se ne presentasse l’occasione – a aggiunto il fotografo – Il modo “più sicuro” per avvicinarsi a questi coccodrilli è direttamente di fronte a loro a causa del loro campo visivo limitato e al loro stesso livello o sotto di loro nella colonna d’acqua. Dritto davanti a loro, perché di solito quando colpiscono scattano di lato, non si lanciano in avanti con un morso”.

“Sono animali molto intelligenti e ti osservano costantemente. I loro occhi seguono sempre i tuoi movimenti nell’acqua. Capita a volte che, anche se vengono avvicinati frontalmente, si posizionano lentamente ma costantemente dalla tua parte, pronti a sfruttare ogni possibile momento di distrazione per valutare l’attacco”, ha concluso Bartolomeo, uscito comunque ‘incolume’ dall’esperienza non prima di aver realizzato queste immagini, tanto splendide quanto da brividi.

26.169 visualizzazioni
  1. 3
  2. 4
  3. 5
  4. 6
  5. 7
  6. 8
  7. 9
Chiudi
Caricamento contenuti...