VIDEO
Cerca video
FAI DA TE 07 GIUGNO 2024

Come togliere l'odore di frittura in cucina? Usa la cannella

I buongustai lo sanno bene. Qualsiasi cibo è più appetitoso quando viene fritto, compresi il pesce e le verdure che non tutti amano, primi fra tutti i bambini.

Peccato che il caratteristico odore che si sprigiona quando tuffiamo qualcosa nell’olio bollente sia davvero difficile da eliminare e non solo dalla cucina.

Se non abbiamo una postazione ben areata o addirittura all’aperto, a farne le spese possono essere anche le tende, gli abiti e perfino i nostri capelli, che si impregnano come se fossimo stati per giorni alla sagra del fritto misto.

Ecco qualche consiglio per eliminare questo inconveniente in modo del tutto naturale.

Come friggere limitando i danni

Se la stagione lo permette, la prima cosa da fare è quella di aprire tutte le finestre sia prima che dopo la frittura, in modo da creare un ricircolo in grado di dissolvere l’aria viziata.

Quando possibile, inoltre, mettere un coperchio sulla padella aiuta a disperdere meno odore.

Un altro suggerimento tradizionale è quello di aggiungere qualche fetta di mela all’olio, prima di scaldarlo. Quando arriverà alla giusta temperatura per friggere, i pezzi del frutto si doreranno ed impediranno la formazione del fastidioso effluvio.

Mai dimenticarsi, inoltre, di azionare la cappa sopra i fornelli, possibilmente alla potenza massima di aspirazione.

Profumo di cannella e di altre spezie

Per neutralizzare completamente la puzza, però, l’ideale è mettere a bollire in un pentolino un po’ d’acqua insieme a delle stecche di cannella, il cui profumo restituirà freschezza all’aria di tutte le stanze di casa.

Se si vuole un tocco in più, si può aggiungere anche della scorza d’arancia. Per chi ama gli aromi speziati, con la stessa tecnica si possono usare anche delle combinazioni di noce moscata e bacche di ginepro, di chicchi di caffè tostato e anice stellato.

Per le fritture durante la stagione invernale, infine, possiamo far bollire bucce di mandarino e chiodi di garofano, così in casa si sprigionerà un profumo gradevolmente “natalizio.”

Alloro e aceto

Il giardino e la dispensa ci possono regalare ulteriori rimedi naturali per il dopo frittura, come quello di tuffare in una pentola con dell’acqua in ebollizione alcune foglie di alloro ed attendere che l’effetto mangia-odori di questa pianta faccia il suo corso, oppure scaldare dell’aceto di vino o di mele.

In questo secondo caso, lo scotto da pagare è quello di riuscire a sopportare per un po’ l’aroma pungente che salirà dal pentolino, cosa non facile per tutti.

20.130 visualizzazioni
Chiudi
Caricamento contenuti...