VIDEO
Cerca video
BUONO A SAPERSI 14 FEBBRAIO 2024

Attenzione alla truffa di San Valentino

Con San Valentino, aumenta l’uso delle app di appuntamenti. Mentre gli utenti cercano l’amore, i truffatori cercano modi per rubare i loro soldi. Una ricerca pubblicata sull’American Journal of Criminal Justice descrive le tattiche utilizzate dai truffatori per guadagnare la fiducia degli utenti e renderli vulnerabili al crimine informatico. Il fenomeno è noto come “frode romantica” e solitamente i malintenzionati usano email e messaggi da inviare a centinaia di persone contemporaneamente.

Attenti alla truffa di San Valentino

Dopo aver parlato del rito d’amore di San Valentino, vediamo una questione un po’ più seria riguardante la festa degli innamorati. Un rapporto sui crimini informatici, pubblicato dall’FBI nel 2021, ha rilevato che le frodi romantiche online sono aumentate negli ultimi anni, riuscendo a ricavare quasi 956 milioni di dollari. Questo lo rende il terzo crimine informatico in assoluto in termini di perdite. Una tattica comune delle truffe di San Valentino prevede che la vittima venga contattata sui social network o sulle app di dating. Poi i truffatori chiedono rapidamente alle loro vittime di spostare la relazione dall’app a un formato di posta elettronica o di messaggistica privato. L’obiettivo è isolarli e fargli prendere decisioni rapide.

(Guarda anche: Usi Tinder? C’è qualcosa che chi scrolla dovrebbe sapere)

San Valentino: come riconoscere una truffa

Per riconoscere una truffa, ci sono dei segnali a cui prestare attenzione come:

  • I corteggiatori online che si rifiutano di conversare al telefono o non inviano fotografie recenti
  • La richiesta di soldi per risolvere un grave problema
  • Provano a suscitare il senso di colpa della vittima

La ricerca americana ha anche identificato quali sono i fattori di rischio comuni per le potenziali vittime.Tra questi c’è una mancanza di familiarità con la tecnologia, che si riscontra spesso nelle persone anziane. L’insicurezza o l’inesperienza nell’iniziare una relazione online dei giovani. Vulnerabili per i truffatori sono poi anche le persone che hanno recentemente interrotto relazioni e sono alla disperata ricerca di compagnia.

Lo studio evidenzia anche come il numero delle vittime sia anche sottostimato a causa della vergogna o persino l’autoincriminazione della persona truffata che spesso non denuncia. Ci sono poi alcuni casi in cui non si accetta di essere stati truffati neanche davanti alle prove.

16.107 visualizzazioni
Chiudi
Caricamento contenuti...